Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Uno Studio Universitario rivela: il file sharing musicale attraverso i BitTorrent fa aumentare le vendite legali.

copyright

Un nuovo studio, pubblicato da un ricercatore di economia  della Queen University in Canada, suggerisce che nel settore della pirateria musicale digitale, il file sharing illegale possa effettivamente aumentare le vendite legittime, funzionando come “pubblicità gratuita”.

Secondo il Ricercatore Candese, mentre le vendite di supporti fisici possono diminuire in virtù dell’utilizzo delle reti di filesharing , il passaparola  generato attraverso la circolazione dei files digitali in ultima analisi può promuovere il lavoro di artisti  molto popolari.

Il ricercatore, Christopher Lee, ha analizzato  una serie di dati che comprendevano 250.000 album e 4,8 milioni di download da un tracker BitTorrent privato.

Analizzando la pirateria relativa agli album  di artisti molto popolari, Lee ha scoperto che, lungi dal danneggiare le vendite digitali, il downloading illegale  in realtà ne aumenterebbe la conoscibilità, suggerendo che l ‘effetto passaparola sia un traino rilevante per il mercato digitale, mentre le  vendite fisiche sembrano essere più colpite dalla pirateria.

Ma ancora più importante, la ricerca di Lee sembra suggerire che l’effetto della pirateria non solo varii significativamente a seconda del tipo di supporto (digitale o fisico), ma  che esso sia diverso a seconda  della popolarità degli artisti, con le stelle della  musica che sembrano favorite dal passaparola generato dalla conscenza dei files illegali, più degli album di artisti  meno conosciuti.

Questo, secondo il cattedratico Canadese, sembra indicare che gli utenti utilizzano la pirateria come strumento di scoperta e che gli stessi utenti della rete, siano poi più invogliati ad acquistare prodotti legali.

@fulviosarzana